Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Comune di San Marco dei Cavoti (Bn) - P.zza Risorgimento, 22

Centralino: (+39) 0824 984009 - Fax: (+39) 0824 984035 - Cod. Un. eFatt.: UFTLN9 - pec: postmaster@pec.comune.sanmarcodeicavoti.bn.it
C.Fisc / P.Iva: 00127190627

ALBO PRETORIO

Il comune rende disponibili al cittadino tutti quegli atti per i quali la legge (n°69 del 18 giugno 2009) impone la pubblicazione.

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

In un'ottica di "democrazia aperta", di garantire il cosiddetto "accesso civico".

FATTURA ELETTRONICA

Le fatture emesse nei confronti della Pubblica Amministrazione devono essere trasmesse e conservate esclusivamente in formato elettronico.

SERVIZI ONLINE

Con i Servizi On Line oggi puoi avere il tuo Comune a portata di click.

Aperto al pubblico il 7 dicembre 2016 e affiliato al FAI Fondo per l'Ambiente Italiano nel 2017, il Modern e l’annesso Museo della Pubblicità, del Packaging e del Commercio hanno sede in Piazza Risorgimento nei locali del sottotetto del Palazzo Jelardi (1859), in circa 500 mq.

Il Modern consta di otto sale adibite a biblioteca, emeroteca e archivio, nonché di una grande Sala della Musica dotata di un pianoforte a coda da concerto del 1893 e di circa 600 spartiti musicali d'epoca. Il patrimonio librario e archivistico, disponibile per la libera consultazione, è diviso in sezioni di arte e architettura, medicina, musica, agricoltura, letteratura, storia, religione, romanzi, turismo e meridionalistica.

Degni di nota sono la Biblioteca di Medicina con testi italiani e stranieri di varie epoche, gli archivi privati di del giornalista Max Vajro, del pilota e teorico automobilistico Ferdinando Meomartini e del sindaco di Benevento e presidente del Coni Pasquale Meomartini nonché - nell’emeroteca - le raccolte annuali di noti rotocalchi (Epoca, Il Borghese, Time, National Geografic, Venerdì di Repubblica, Ad) e la sezione dedicata alla selezione tematica di quotidiani di varie epoche riportanti notizie di celebri eventi di cronaca del Novecento (caduta del fascismo, nascita della Repubblica, sequestro Moro, morte di re e pontefici e di Giacomo Matteotti etc.). Tra gli arredi d’epoca si ammirano inoltre le attrezzature del primo cinematografo sammarchese e alcuni cimeli di storia del paese.

Il Museo della Pubblicità, del Packaging e del Commercio è il primo e unico museo italiano dedicato agli oggetti legati alla pubblicità, agli imballaggi e al commercio in genere, facenti parte della collezione del giornalista e scrittore Andrea Jelardi, fondatore e direttore dell’intera struttura.

Nelle cinque ampie sale sono esposti circa 700 esemplari tra articoli pubblicitari, insegne, confezioni, imballaggi, cataloghi e altro materiale promozionale di epoca compresa tra la fine dell’Ottocento e i giorni nostri. Vi si possono ammirare, tra l’altro, l’arredo originale e tutte le attrezzature dell’antica barberia dei fratelli Casimiro e Vittorio Cuomo (1924), alcuni allestimenti di un bar-tabaccheria, di un’officina meccanica, di un’edicola, di una taverna e di uno studio medico, manifesti di varie epoche, cartelli di propaganda del ventennio fascista, scatole di latta e confezioni di altri alimenti, flaconi di medicinali, prodotti cosmetici, contenitori in cartone di panettoni e altri prodotti dolciari, svariati gadget da réclame (radio, ventagli, orologi), bottiglie di vini e liquori, accessori di cancelleria, confezioni di tabacco, barattoli di caffè, posacenere, calendari, bicchieri, specchi pubblicitari, fatture commerciali di fine Ottocento e primi Novecento.

Una sala è interamente dedicata agli elettrodomestici, mentre tra gli oggetti esposti si distinguono una carrozzina per bambini (1930), un grande barattolo di latte in polvere americano (1945) e una Lambretta Innocenti (1969).

 

www.facebook.com/MuseodellaPubblicita

Per info e prenotazione visite gratuite tel. 320 945 80 50

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

VECCHIO SITO

ENTI LOCALI

CALCOLO IUC

BUSSOLA DELLA TRASPARENZA

IL QUOTIDIANO DELLA P.A.

FACEBOOK